Veio Notizie

Mazzano. Scontri allo stadio, condanne confermate ad ultras

Mazzano. Scontri allo stadio, condanne confermate ad ultras

Mazzano. Scontri allo stadio, condanne confermate ad ultras
maggio 11
12:02 2016

Confermata la condanna a quattro giovani ultras viterbesi che vennero fermati in relazione agli scontri avvenuti allo stadio Magliano Romano la mattina di domenica 16 novembre 2014. In particolare i giudici della I sezione della corte d’appello della Capitale hanno ribadito le pene emesse dal tribunale di Tivoli nel luglio 2015. I disordini si registrarono sugli spalti dove erano i tifosi della squadra Ardita San Paolo. Il motivo dell’aggressione sarebbe stato dovuto a dei tafferugli che c’erano stati tempo prima nei pressi di un pub alla Garbatella, a Roma.

I quattro imputati sono Ervin Di Maulo, Edoardo Fanti, Diego Gaglini e Iacopo Magnani (3 anni) che hanno risposto per il reato di lesioni. Gaglini è stato candidato sindaco a Viterbo per Casapound. Lui ha preso 3 anni e comunque ottenuto il ritorno in libertà dopo un periodo di arresti domiciliari. Magnani è invece già libero da febbraio. Di Maulo ha avuto 4 anni e con Fanti (3 anni) è ancora sottoposto alla misura cautelare. Nell’aggressione, secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Civita Castellana, furono usati bastoni e spranghe. Oltre i 4 condannati, va avanti a Tivoli un secondo processo in cui questi sono imputati (per violazione legge armi) insieme ad altri 5, che rispondono di legge armi e lesioni.

Gli avvocati Francesco Romeo e Annalisa Rosci hanno rappresentato le ragioni della parte civile. In particolare i due penalisti hanno assistito alcune persone che all’epoca dei fatti finirono in ospedale dopo l’irruzione sugli spalti del blitz di ultras a volto coperto. Il match di terza categoria era tra le squadre Magliano Romano e Ardita San Paolo venne sospeso. I difensori hanno sempre respinto le accuse ritenendo le contestazioni al più indiziarie e non sufficientemente provate. Per loro, a questo punto, resta aperta la porta del ricorso in Cassazione.

Fonte: Askanews

Share

Related Articles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi