Veio Notizie

Cultura, al via i primi progetti del bando della Regione Lazio “Io leggo”

Cultura, al via i primi progetti del bando della Regione Lazio “Io leggo”

Cultura, al via i primi progetti del bando della Regione Lazio “Io leggo”
gennaio 31
13:08 2017

Al via tre dei trentadue progetti finanziati con il bando ‘Io Leggo’ per la promozione e valorizzazione del libro e della lettura. La Regione sostiene anche quest’anno una serie di iniziative che coinvolgono piccole e medie imprese della filiera editoriale, comuni, associazioni, fondazioni culturali e istituzioni scolastiche. In particolare la Regione mette a disposizione 600mila euro per il biennio 2016/2017.

Ecco le info sui tre progetti già partiti:

Già in corso “Libri fragili”, il progetto con cui l’associazione culturale Arte Studio diretta da Alba Bartoli porta la lettura di grandi classici della letteratura mondiale in cinque Istituti penitenziari: Rebibbia, Roma Latina, Rieti, Velletri.

Inaugurato domenica “Le arti si sfogliano”, progetto sostenuto dall’associazione Appercezioni diretto da Federica Altieri che fino a luglio coinvolgerà librerie indipendenti e biblioteche di periferia (Centocelle, Cinecittà, Tor Tre Teste), teatri, università e dimore storiche del Lazio con eventi e spettacoli legati alla scrittura.

Al via questo pomeriggio “Pagine viaggianti”, progetto dell’associazione culturale Libra presieduta da Monica Maggi che lavora al recupero di libri destinati al macero e alla creazione di laboratori di lettura e punti di distribuzione in ospedali, scuole, librerie e biblioteche.

Vai qui per consultare la graduatoria del bando

“Quest’anno il bando Io Leggo è stato un vero successo. Quasi 500 proposte arrivate, 32 progetti finanziati e questo vuol dire che è nato un rapporto di fiducia, fra chi ama, protegge, programma, promuove la cultura e la Regione Lazio – parole di Lidia Ravera, assessore alla Cultura e Politiche giovanili, che ha aggiunto: sono sempre più numerosi quelli che hanno raccolto la sfida di allargare la schiera dei lettori. Allargare il numero dei lettori vuol dire lavorare per una società migliore, meno violenza, meno fragile, meno succube. Questo nostro sostegno è un aiuto tangibile ma soprattutto un premio, un riconoscimento di utilità”.

Related Articles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi